• Le relazioni favoriscono la società
  • Telefono040 349 8975
  • Emailinfo@lebuonepratiche.org

Microarea di San Vito

Sviluppo di comunità

La comunità coinvolta riguarda il quartiere di San Vito, nel comune di Trieste. Sono state realizzate diverse iniziative che hanno interessato un gran numero di cittadini: feste e pranzi di quartiere, gruppi di socializzazione, di lettura e di sostegno, conferenze e tavole rotonde e, infine, anche la realizzazione di un orto sociale. In questo modo il rapporto tra gli abitanti del quartiere con i servizi pubblici e le realtà private e commerciali è notevolmente migliorato.

Dal 2010 è stato avviato il progetto di Microarea nel quartiere di San Vito, con l'obiettivo di sviluppare la comunità e offrire interventi di protezione sociale. Si è rafforzata la relazione tra gli abitanti del quartiere e i servizi pubblici, le realtà private e commerciali della zona. Le azioni realizzate hanno reso possibile interventi di protezione sociale in favore della popolazione più debole. Le iniziative hanno avuto successo grazie anche a un gruppo di volontari che hanno lavorato sia con gli anziani fragili sia nell’Orto sociale.

Relazioni e collaborazioni

  • Azienda per l'Assistenza Sanitaria n. 1 Triestina, stipulata convenzione per gestione della Microarea
  • Distretto Sanitario 2, realizzata collaborazione con il personale
  • Comune di Trieste, fornito patrocinio su iniziative ed eventi
  • Servizio Sociale Comunale, realizzata collaborazione con il personale
  • Parrocchia Madonna del Mare, ospita la sede della Microarea e collabora per tutti gli eventi e iniziative
  • Centro Caritas parrocchiale, collabora per l’assistenza abitanti fragili del quartiere
  • Associazione Calicanto, collabora per la festa di carnevale con giovani disabili
  • Comunità di Sant’Egidio FVG per la pubblicazione della Guida per gli anziani
  • Comunità San Martino al Campo, collabora con gli ospiti per l’orto di via Navali
  • Volontari del quartiere, collaborano per assistenza ad anziani fragili della zona, gruppi di socializzazione e lettura per anziani, orto urbano
  • ANVOLT, collabora per il gruppo di sostegno per familiari di malati oncologici
  • AsSostegno, ha collaborato per una conferenza su amministrazione di sostegno
  • Questura di Trieste, ha collaborato per una conferenza su truffe agli anziani

Feste e pranzi di quartiere

Sono state realizzate:
3 Feste di fine estate organizzate in settembre (2012, 2013, 2014) nel giardino di Piazza Rosmini, alle quali hanno partecipato ogni anno circa 40-60 bambini con i loro genitori e circa 120-150 tra anziani e adulti 3 Feste di carnevale per anziani che hanno coinvolto circa 40-60 anziani e 8 volontari 2 Feste di carnevale per giovani e disabili che hanno coinvolto circa 60-70 giovani. Da aprile 2014, nella Parrocchia Madonna del Mare è stato organizzato un pranzo al mese rivolto a persone sole, anziani del quartiere e non solo. Vi partecipano circa 30 anziani e 15 tra operatori dei servizi e volontari. I pranzi sono stati realizzati grazie all’aiuto di una cuoca volontaria, dei negozianti del quartiere, che offrono gli alimenti necessari, e di alcune classi della scuola elementare della zona, che offrono la frutta e il pane.

GRUPPI DI SOCIALIZZAZIONE
Da gennaio 2014 si incontrano ogni settimana (il martedì e il mercoledì dalle 10 alle 12) due gruppi composti da circa 10-15 anziani. L’attività di socializzazione è seguita da due volontarie e per gli anziani con difficoltà motorie viene garantito il trasporto con il pulmino per raggiungere la sede degli incontri.

GRUPPI DI LETTURA
Da fine maggio 2014 nel giardino di piazza Rosmini si è composto un gruppo di lettura dedicato agli anziani nel quale vengono proposte letture di poesie e brani di letteratura. Il gruppo, seguito da un volontario del quartiere, si compone di circa 6-8 anziani ma è aperto a tutti coloro che frequentano il giardino e desiderano fermarsi ad ascoltare le letture proposte.

GRUPPI DI SOSTEGNO FAMILIARI MALATI ONCOLOGICI
Questo gruppo è nato dalla collaborazione con l’associazione ANVOLT, che offre servizi e consulenza ai malati oncologici e che ha messo a disposizione una psicologa. Il gruppo ha iniziato gli incontri a fine maggio 2014 ed è composto da 6 familiari di malati oncologici che hanno uno spazio nel quale condividere esperienze e trovare sostegno psicologico.

Conferenze e tavole rotonde

Gli eventi proposti sono stati organizzati nel teatro della Parrocchia Madonna del Mare e hanno visto la partecipazione di circa 30-50 persone a ciascun incontro su temi relativi all’anzianità, alla promozione della salute e alla tutela del diritto.
Le tavole rotonde dedicate a servizi e anziani sono:

  • 22 maggio 2012, “Costruire insieme la rete dei servizi socio-sanitari per il rione di San Vito”
  • 28 maggio 2014, “Invecchiare a casa propria, dibattito tra cittadini e operatori”

Orto sociale

Questo progetto vuole stimolare la solidarietà e l’integrazione in un gruppo di persone con disagio, attraverso la produzione ortofrutticola. Il gruppo si compone di 6 persone che abitano nel quartiere: un partecipante è un anziano con difficoltà economiche seguito dal servizio di salute mentale, due sono adulti con un certo grado di disagio sociale (per uno dei due la partecipazione ai lavori dell’orto rientra nel programma di detenzione alternativa al carcere), un altro partecipante è ospite di una comunità di accoglienza per persone con disagio psichico e partecipa al progetto assieme alla sua educatrice. I componenti del gruppo non si conoscevano tra loro prima di iniziare i lavori nell’orto, ma grazie al comune interesse per l’attività orticola e alla condivisione di un certo disagio socio economico, sono riusciti a lavorare con spirito di gruppo e solidarietà.

Questa esperienza è stata occasione di integrazione sociale, ma anche di educazione ambientale. I partecipanti hanno imparato a rispettare e curare le zone verdi della città e hanno appreso le tecniche di coltivazione biologica.
Una parte del raccolto viene suddivisa tra i contadini volontari e una parte viene destinata ad alcune famiglie bisognose del quartiere.

Launch Project

image